top of page

La pubblica amministrazione si prepara al rientro

Niente assembramenti negli uffici pubblici. Per garantire il distanziamento interpersonale (tra i dipendenti e con l'utenza) e prevenire l'affollamento dei locali, l'orario dei servizi erogati al pubblico e quello di lavoro dovranno essere organizzati in maniera flessibile per fasce di entrata e uscita. Le p.a. dovranno fornire mascherine chirurgiche ai dipendenti presenti in ufficio o che lavorano in spazi condivisi. Per chi lavora a contatto con il pubblico, oltre alla mascherine, potrà essere previsto l'impiego di visiere e, ove possibile, anche l'utilizzo di barriere separatorie. I termoscanner non saranno obbligatori per gli enti pubblici, ma solo facoltativi. Chi vorrà potrà installarli all'ingresso per rilevare la temperatura corporea del personale interno e dell'utenza esterna. Sono alcune delle indicazioni contenute nella bozza di protocollo quadro per la prevenzione e la sicurezza dei dipendenti pubblici sui luoghi di lavoro durante l'emergenza sanitaria da «Covid-19» che la Funzione pubblica ha inviato ieri ai sindacati (dopo l'ok del Comitato tecnico scientifico) per concordare le regole sulla Fase 3 della p.a., quella che segnerà il progressivo rientro in sede degli statali che non svolgono mansioni erogabili in modalità smart working. (ItaliaOggi)

17 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
bottom of page