CensimentiEPraticheTecniche_2

Censimenti e pratiche tecniche

Fascicolo immobiliare

L’operazione consiste nel redigere la “carta d’identità” per ogni unità immobiliare in possesso delle pubbliche amministrazioni.
Il servizio viene attuato ai sensi di quanto disposto dal ministero dell’Economia con circolare del 9 luglio 2010 , n. 16063 che detta agli enti pubblici le “Linee Guida generali” per la costituzio- ne del fascicolo immobiliare che consentirà di pervenire ad una completa conoscenza del proprio portafoglio immobiliare. La costituzione del fascicolo avverrà mediante l’individuazione e la classificazione dei beni inseriti nel modello “B” e “C” dell’inventario comunale che consentirà all’amministrazione di valorizzare il proprio patrimonio nonché di avere la situazione immobiliare conforme alle norme di legge.
Per ogni bene viene redatta una scheda dettagliata attraverso la quale è possibile differenziare le attività e le certificazioni che permetteranno eventualmente di regolarizzare l’immobile.

Pratiche catastali e rilievi architettonici

• accatastamento di beni immobili comunali
• rilievo topografico e di dettaglio di terreni ed edifici oggetto
di accatastamento
• elaborazione grafica in formato DWG del rilievo effettuato
• frazionamenti di beni immobili

Barriere architettoniche

Il processo per l’eliminazione delle barriere architettoniche attualmente è in pieno sviluppo grazie alle normative vigenti, all’ informazione e alla cultura.
Ci proponiamo come consulente specializzato per l’attuazione degli obblighi di legge: gli stessi saranno integrati con accorgimenti per migliorarne l’applicazione, ottenendo i risultati più opportuni ad un costo minore.
Per una completa e funzionale applicazione delle normative vi- genti, ci occupiamo di:
• censire gli immobili e spazi pubblici (art. 8 L.R. 6/89)
• segnalare gli immobili privati aperti al pubblico non conformi alla normativa
• segnalare gli edifici pubblici che devo essere dotati di si-
sitema di chiamata per attivare il servizio di assistenza alle persone con ridotta capacità motoria e sensoriale (art. 1/5 D.P.R. 503/96)
• segnalare gli edifici già adeguati alla normativa vigente su cui esporre il simbolo di accessibilità e/o le indicazioni dei percorsi per accedervi (art. 33 L.R. 6/89 e art. 2/1 D.P.R.
• 503/96)
• effettuare un’ indagine conoscitiva sulla mobilità degli utenti
di alloggi di edilizia residenziale pubblica (art. 18 L.R. 6/89)
• realizzare un archivio informatizzato dei dati raccolti
• predisporre il piano di eliminazione delle barriere architettoniche (art. 32/21 L. 41/86)
• predisporre i piani biennali di intervento (art. 10 L.R. 6/89)
• pianificare la destinazione della percentuale pari al 10% delle entrate derivanti dagli oneri di urbanizzazione in base ai piani redatti (art. 15 L.R. 6/89)
• pianificare la destinazione di almeno il 2% dei prestiti con
cessi dalla Cassa Depositi e Prestiti, agl’interventi rivolti all’eliminazione delle barriere architettoniche (art. 32/23 L. 41/86 e art. 24/10 L. 104/92)
• pianificare la progettazione, in base alle priorità e alle risorse finanziarie
• progettare le opere finalizzate all’ eliminazione delle barriere
architettoniche
• collaborare alla stesura o al controllo dei capitolati d’appalto
• effettuare la direzione dei lavori riguardanti l’abolizione delle
barrire architettoniche
• collaudare i lavori riguardanti l’abolizione delle barrire
architettoniche
• adeguare i regolamenti edilizi (art. 24/11 L. 104/92 e art.12/2 L.R. 6/89)
• adeguare gli strumenti urbanistici generali ed attuativi (art. 12/2 L.R. 6/89 e art. 3/1 D.P.R. 503/96)
• adeguare i regolamenti comunali inerenti ai noleggi ed ai servizi di piazza (art. 31/1 L.R. 6/89

VISURE IN CONSERVATORIA

VERIFICA DEL PATRIMONIO CON ISPEZIONE IN CONSERVATORIA
Ogni anno si intensificano gli adempimenti relativi al Patrimonio Immobiliare e diventa indispensabile conoscere nei minimi dettagli, qualità, consistenza e valore di tutti i fabbricati e terreni di proprietà dell’Ente.
Spesso le normali verifiche catastali non sono sufficienti per dare all’Ente la certezza dei vari passaggi di proprietà nel tempo e della reale titolarità di ogni singolo bene, rendendo indispensabile l'Ispezione in Conservatoria.
La nostra Società si propone con il servizio di “Verifica del Patrimonio” dell'Ente, attraverso un’attività di Ispezione presso la Conservatoria dei Registri Immobiliari di competenza del Vostro territorio.

VERIFICA PRATICHE TECNICHE

SERVIZIO VERIFICA PRATICHE CATASTALI
La nostra Società, specializzata nelle attività di verifica del Patrimonio degli Enti Pubblici, Vi sottopone una specifica attività di controllo della situazione catastale delle proprietà Comunali.
Tale attività, si propone di verificare l'attuale stato dei luoghi con quanto presente e denunciato al catasto.
Il Vostro patrimonio immobiliare, sia terreni che urbano, come previsto dalla legge, deve essere correttamente identificato e denunciato presso L'UTE competente.
La nostra Società è inoltre disponibile ad effettuare i servizi di:
• accatastamento, frazionamento, variazione catastale, tipo mappale, ecc.